Pavimenti in resina per parcheggi, rimesse ed autosilo

12/09/2017
pavimenti in resina per parcheggi

I pavimenti in resina per parcheggi rappresentano da sempre una sfida tecnica di complessità molto più elevata di quanto si è generalmente propensi ad immaginare.
In passato i pavimenti di parcheggi esposti o multipiano venivano generalmente realizzati in semplice calcestruzzo, senza particolari prescrizioni od il rispetto di specifiche normative. A tale calcestruzzo veniva (e viene tuttora) affidato il compito di resistere non solo al traffico intensivo di veicoli, ma anche agli agenti atmosferici, a sbalzi termici anche estremi, al gelo, al sale, ai raggi UV e contestualmente offrire un “adeguato” e non meglio specificato effetto antiscivolo.
Il calcestruzzo di per sé difficilmente può sopportare una tale mole di “lavoro” per lungo tempo, di conseguenza si sono venute a formare una enorme quantità di problematiche legate alla corrosione del calcestruzzo, alla sua scivolosità ed all’impermeabilizzazione delle solette.
Qualcuno ha tentato di risolvere la questione applicando vernici a base epossidica, prodotti a basso costo che, in tale contesto, creano più problemi di quanti ne risolvano.
Un rivestimento in resina su soletta, specialmente se esposta, non deve solo resistere alle aggressioni di cui sopra ma anche offrire un adeguato valore di crack-bridging, ovvero la capacità di resistere alle dilatazioni dovute a sbalzi termici delle microlesioni presenti nel sottofondo senza lesionarsi e far venir meno il proprio effetto impermeabilizzante.
Tuttavia, resine impermeabilizzanti con alto potere di crack-bridging offrono di contro una scarsa resistenza all’abrasione data da un intenso traffico veicolare.

pavimenti in resina per parcheggi, rimesse ed autosilo

L’esigenza di proteggere e impermeabilizzare le solette dei parcheggi si sta affermando anche in Italia, soprattutto per i parcheggi multipiano e coperture carrabili, pertanto di pari passo si sono diffusi cicli resinosi adatti a pavimentare superfici soggette a classificazioni OS11a, OS11b, OS13 e certificati come sistemi di protezione delle superfici in calcestruzzo secondo EN 1504-2
Tali sistemi, con applicazione multistrato, presentano generalmente una membrana elastica con funzione impermeabile alla propria base, su cui viene applicato uno strato di finitura antisdrucciolo con alte resistenze meccaniche.
Non ultimo, compito di un rivestimento in resina è anche quello di offrire un gradevole aspetto estetico ed una segnaletica orizzontale perfettamente visibile e con colori vivaci. Nel caso dei pavimenti in resina, tale segnaletica diviene un “corpo unico” con la pavimentazione, pertanto si rivela estremamente durevole, al contrario delle classiche vernici applicate a spruzzo le quali hanno una durata estremamente breve.

Il nostro team è a Vostra disposizione per assistervi nella progettazione e realizzazione in opera di pavimenti in resina per parcheggi, sia su sottofondi in calcestruzzo che in asfalto, di nuova o vecchia fattura.

(nella foto in alto, il pavimento da noi realizzato presso "Park&Ride" Lugano)

Sponsor tecnico

Silicati

Visita il sito

Possiamo esserti utili?

Vuoi iscriverti alla newsletter?
Accettazione Privacy Policy   *

Perchè contattarci?

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi saperne di più?
Non esitare a scriverci, compila il modulo!

  Web Agency XODUS New Media

Possiamo esserti utili?

Compila tutti i campi. Ti ricontatteremo in tempi brevi.